ePrivacy and GPDR Cookie Consent by TermsFeed Generator
Plate carrier

Breve storia del plate carrier ed evoluzione attuale .

Il Plate Carrier

Sin dall’Età del Bronzo il soldato ha cercato di proteggere le aree vitali del torso ed il capo .Ora si chiama Plate Carrier

I ritrovamenti archeologici hanno portato alla luce numerose varianti di “corazze” , dalle piastre di bronzo appese con cinghie di cuoio a veri e propri corsetti in lino multistrato , fino ad arrivare alle corazze degli opliti greci . Dalle falangi oplitiche si passa alle Legioni di Roma , che sviluppano diversi tipi di corazze , dalla cotta di maglia , alla corazza a scaglie fino alla celeberrima “lorica segmentata” opera d’arte a livello di protezione e funzionalità .

Del Medioevo la prima immagine che ci viene alla mente è il cavaliere pesante , corazzato dalla testa ai piedi , anche se è corretto ricordare che è più di periodo tardo , 1400 circa , l’utilizzo delle corazze di quel genere . Corazze che , è stato dimostrato da vari tests , erano molto più mobili e funzionali di quello che si credesse , ma che cederanno il passo alla comparsa delle armi da fuoco . le corazze si riducono , per mancanza di fondi e per necessità di leggerezza , fino a scomparire quasi fino al 900′ . La Grande Guerra riaccende la necessità di proteggere , almeno alcuni reparti , vedasi i tagliafili , con corazze metalliche come la “corazza Farina” . Corazze pesanti e poco pratiche , sicuramente non adatte agli assalti delle trincee .

Nella Seconda Guerra Mondiale si sperimentano corazze , ma mai per un utilizzo di massa , caso strano le corazze per truppe d’assalto sovietiche …

In Corea si comincia a dotare le truppe di “flak jackets” in nylon balistico , per la protezione dalle schegge , ma poco efficaci contro i proiettili. Stesso dicasi delle evoluzioni degli stessi in Vietnam.

Negli anni 80′ con il PASGT gli americani , cominciano ad usare il kevlar come protezione balistica , che poi si evolverà fino ad oggi , passando per i vari teatri di guerra del medio oriente . Dall’inizio della Guerra al Terrorismo l’evoluzione e la funzionalità delle protezioni anti proiettile , si adattano alla guerra asimmetrica ed alle nuove necessità operative .

I plate carrier dai noi preferiti sono i Direct Action  in quanto sono i  più leggeri e funzionali che i soldati , (non solo delle Forze Speciali ), possano  chiedere .  Le possibilità di settare e customizzare completamente il plate carrier , a seconda del ruolo o della missione , con fasce laterali (cummerband) , porta caricatori , IFAK ,tasche e cosa più importante piastre balistiche , le più usate il Livello III , il vero cuore del plate .

plate carrier
selezione di plate carrier direct action

Di seguito una tabella esplicativa .

Livelli di protezione NIJ

In ordine crescente di protezione:

  • Livello I: (.22 LR; .380 ACP) Questa armatura protegge da proiettili calibro .22 Long Rifle Round nose (40 grani) ad una velocità di 329 m/s e da proiettili calibro .380ACP Full Metal Jacket RN (95 grani) ad una velocità di circa 322 m/s. Non fa più parte degli standard (è troppo leggero).
  • Livello IIa: (9 mm; .40 S&W) Protegge da proiettili 9×19 Parabellum Full Metal Jacket Round Nose (FMJ RN) (124 grani) ad una velocità di circa 373 m/s e da proiettili calibro .40S&W (180 grani) ad una velocità di circa 325 m/s. Protegge inoltre dalle minacce elencate nel Livello I.
  • Livello II: (9 mm; .357 Magnum) Protegge da proiettili 9mm FMJ RN (124 grani) ad una velocità di 398 m/s e da proiettili calibro .357 Magnum Jacketed Soft Point (JSP)(158 grani) ad una velocità di circa 436 m/s. Protegge inoltre dalle minacce elencate nei livelli IIa e I.
  • Livello IIIa: (.357 Sig; .44 Magnum) Protegge da proiettili calibro .357 SIG Flat Nose (FN)(125 grani) ad una velocità di 448 m/s e da proiettili calibro .44 Magnum Semi-jacketed Hollow Point (SJHP)(240 grani) ad una velocità di circa 436 m/s. Protegge inoltre dalla maggior parte dei proiettili per pistola, ma anche dalle minacce elencate nei livelli precedenti (I, IIa e II).
  • Livello III: (Fucili) Protegge da proiettili 7.62x51mm NATO (Munizione M80)(148 grani) ad una velocità di circa 847 m/s. Protegge inoltre dalle minacce elencate nei livelli precedenti (I, IIa, II, IIIa).
  • Livello IV: (Fucili perforanti) Protegge da proiettili calibro .30 06 Springfield M2 Armor Piercing (AP) del peso di 166 grani (10,7 grammi circa), ad una velocità di 878 m/s. Fornisce la protezione dalle minacce menzionate in tutti i precedenti livelli d’armatura.

 

Torna su

Istruzioni per le taglie
Vorremmo assicurarci che l’abbigliamento che acquisti sia davvero adatto a te, affinché possano svolgere correttamente il loro scopo. Ti preghiamo di investire un momento del tuo tempo per consultare la guida alle misure e la tabella delle dimensioni corrispondenti per evitare errori. Per prendere la giusta misura, prova gli abiti che ti stanno bene e misura.

Il petto
Prova gli abiti e appoggiali su una superficie piana. Misura dal bordo sinistro al bordo destro appena sotto le maniche.

Vita
Prova gli abiti e appoggiali su una superficie piana. Misura dal bordo sinistro al bordo destro in vita.

Lunghezza manica
Indossa una camicia che ti piace, misura con un braccio al fianco, dalla cucitura della spalla lungo tutto il braccio fino a trovare la lunghezza desiderata. Si consiglia di posizionare la manica alla base del pollice (situata sull’articolazione del polso). Nelle giacche con maniche raglan, come Stratus® o Cumulus®, le misure delle maniche devono essere prese dalla base del colletto fino al polsino della manica.

Cinta
Appoggia i pantaloni su una superficie piana. Misura la distanza del bordo interno dal cavallo, dove si incontrano le cuciture anteriore e posteriore, sul fondo della gamba.

Lunghezza dei pantaloni
Stendi i pantaloni su una superficie piana con i bordi esterni su entrambi i bordi. Fare attenzione a rimuovere eventuali rughe e pienezza dal pannello posteriore. Misura la distanza dalla parte superiore della cintura alla parte inferiore dell’orlo.

Per le gonne
Appoggia la gonna piatta più adatta alla tua taglia con le cuciture laterali rivolte verso l’alto. Usa la mano per appiattire / raddrizzare le rughe sul tessuto. Quindi misurare la distanza tra il punto del bordo superiore e il punto del bordo inferiore. Per ottenere il risultato più accurato dovresti misurarlo lungo le cuciture laterali.

Girovita
Appoggia la gonna piatta più adatta alla tua taglia con la cerniera frontale rivolta verso l’alto. Usa la mano per appiattire / raddrizzare le rughe sul tessuto. Misurare la parte superiore della gonna (la linea di cintura) a partire da un bordo laterale verso il lato opposto. Quindi, raddoppia il risultato per ottenere la circonferenza della vita.

Circonferenza fianchi
Appoggia la gonna piatta più adatta alla tua taglia con la cerniera frontale rivolta verso l’alto. Usa la mano per appiattire / raddrizzare le rughe sul tessuto. Quindi misurare la distanza tra i punti laterali opposti sulla parte dell’anca (a seconda del taglio della gonna, i fianchi dovrebbero essere di circa 11-14 cm sotto il bordo superiore della gonna). Raddoppia il risultato per ottenere la circonferenza dei fianchi. La tolleranza per le dimensioni indicate nella tabella è di +/- 2 cm (vale solo per l’abbigliamento).